-
Menu
Le nostre sinergie per i tuoi prodotti
facebook twitter google youtube instagram Linkedin Pinterest
Cerca facebook twitter google youtube instagram Linkedin Pinterest
RICHIEDI INFORMAZIONI
Tecnicismi e sigle incomprensibili? Ecco cosa bisogna sapere per scegliere il vetro
Prodotti
20
Sep

Tecnicismi e sigle incomprensibili? Ecco cosa bisogna sapere per scegliere il vetro

Sono i dettagli che fanno la differenza

Le caratteristiche dei serramenti così come la scelta dei vetri sono molto importanti ai fini della qualità della vita nei diversi ambienti. Riducendo il rumore e la dispersione di calore è infatti possibile rendere molto più accoglienti e a misura d’uomo le diverse stanze di casa e dell’ufficio. Il vetro semplice, cioè installare una singola lastra di vetro, è una soluzione abbandonata da tutti i principali produttori di infissi perché non consente di ottenere un’ adeguata protezione termica ed acustica. Oggi gli infissi prevedono di serie il vetrocamera o “il doppio vetro” con lastra interna con trattamento Basso Emissivo.

Il vetro in breve:

Il cosiddetto vetrocamera (o doppio vetro) è costituito da due o più lastre di vetro tra cui viene inserito un telaio in alluminio di spessore variabile tra i 6 e i 22 mm. Per garantire la perfetta aderenza delle lastre, esse vengono giuntate tramite un telaio con un’apposita colla, per poi farle aderire con una speciale pressa in grado di creare una camera d’aria tra i due vetri. Per sigillarlo definitivamente, intorno al vetro viene infine applicata una sostanza bi-componente che consente di aumentare l’isolamento termico e acustico dei serramenti. Per incrementare ulteriormente i valori di isolamento termico del vetrocamera, è sufficiente sostituire l’aria presente tra i due vetri con gas nobili come ARGON o KRIPTON che, rispetto all’aria, sono caratterizzati da un minore coefficiente di scambio termico.

Cosa significa Basso Emissivo?

Il trattamento Basso emissivo in conformità con la Normativa EN 673 consiste in un processo sofisticato che permette la formazione sulla superficie delle lastre di depositi o ossidi di metallo che consentono di sfruttare al meglio la luce naturale. Attraverso questo tipo di trattamento è possibile trattenere fino al 90% del calore di un locale, evitando così la dispersione energetica.

Occhio al preventivo

Nel preventivo o nella conferma d’ordine deve essere indicata la composizione del vetro. Ecco come si presenta e come interpretarla. Se ad esempio il vetro consigliato è indicato con la dicitura 33.1 bassoemissivo/18/4 bisogna sapere che: 3+3.1 B.E indica il primo “vetro stratificato antinfortunistico dove “3+3” sono due lastre di vetro da 3 mm. con trattamento basso emissivo”, 18 è la misura in mm della “canalina intermedia tra le due lastre di vetro” e 4 indica il “secondo vetro semplice di 4mm”.

Se il vetro è una lastra di vetro semplice

Importante: di recente è stata revisionata la norma UNI 7697 “Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie”, secondo cui è obbligatorio che lastre interne di vetrocamera dei serramenti siano di sicurezza. Questo significa che il vetro sarà temprato oppure stratificato.

Vetro stratificato di sicurezza

La lastra 33.1 (3+3.1)  è un vetro stratificato antinfortunistico dove “3+3” sono due lastre di vetro da 3 mm. accoppiate dal “1” cioè da quel strato sottile di film di materiale plastico trasparente che si trova in mezzo alle due lastre, al fine di evitare che in caso di rottura, le lastre si frantumino creando una condizione di pericolo; la funzione della pellicola inserita tra i due vetri, infatti, è mantenere i frammenti di vetro solidali tra loro.

Il triplo vetro

Ultimamente molte aziende propongono l’impiego del triplo vetro nella realizzazione di alcuni sistemi che necessitano di una riduzione della perdita del calore,  fino al 30% in più rispetto ad un vetro monocamera, e di un maggiore isolamento acustico. Ad esempio la composizione del vetro triplo in una finestra sarà indicata con la seguente dicitura: 33.1 B.E. / 12 / 4 Temp. / 12 / 4. A differenza della composizione precedente vediamo che le canaline hanno uno spessore di mm. 12 “queste sono variabili al fine di poter essere adattate allo spessore del profilo scelto”

>> Tutti i nostri prodotti sono dotati di vetriSaint Gobein di serie 33.1 4s/15 argon/33.1, garanzia di sicurezza e comfort abitativo in tutte le stagioni (4s).

 

Photo credit: Business photograph designed by Onlyyouqj - Freepik.com

© 2017 TEKLA s.r.l. - PI: 03530070659 Credits.Kreisa